stemma del logo del comune di pieve di teco Città di Pieve di Teco Sito gemello Bagnols en Foret
Amministrazione Trasparente
UFFICI ALBO
PRETORIO
AMMINISTRAZIONE
TRASPARENTE
ANAGRAFE
ONLINE
simbolo home Storia,
Arte e Cultura
Turismo e
Numeri utili
Fotografie
Video
Dove siamo, Meteo e
Contatti

I ponti di Pieve di Teco

Pieve di Teco è situato a cavallo di due torrenti e quindi il suo territorio è ricco di punti di attraversamento.

Sull'Arroscia troviamo antichi ponti storici che consentivano l'attraversamento del fiume, verso i terreni ombrosi, in passato tenuti prevalentemente a castagneto e oggi ridotti a ceduo.

Il ponte di S. Giovanni è oggi in disuso e transennato, avendo la propria funzione sostituita da un adiacente ponte moderno connesso al vicino insediamento industriale. E' perciò in sostanziale abbandono, anche se strutturalmente non appare pericolante.

Il ponte di S. Pietro è tuttora in uso agricolo.

Il ponte di S. Agostino, situato in posizione circa intermedia fra gli altri due, non esiste più, tranne pochi ruderi e la memoria storica. Evidentemente, distrutto nel 1625 in occasione dell'assedio, non è più stato ricostruito.

L'esistenza di ben tre ponti su quel tratto di Arroscia, mostra la notevole importanza economica attribuita in passato ai terreni e ai transiti su quella sponda.

 

 

Altri antichi ponti del paese sono quello dell'Ospitale, sull'Arrogna, allargato nell' '800 e tuttora in attivo uso, e quello di S. Bernardino anch'esso sull'Arrogna e sottostante Nirasca, anch'esso in pieno uso.

Sulla testimonianza di vecchi pievesi esisterebbero tuttora, inglobati nei tunnel sottostante le piazze Cavour e Carenzi restano strutture (archi) assai verosimilmente riferibili agli antichi piccoli ponti che, subito fuori delle mura, attraversano i fossati dei Grassi e dei Cappuccini.

Questi tunnel sono stati fatti nell'Ottocento, allo scopo di permettere il flusso dei due fossati, dei Cappuccini e dei Grassi, sotto le due piazze, allora risistemate.

Per completezza, si ricorda che il ponte nuovo, sull'attuale Via Eula, venne costruito negli anni 1938-39, in previsione delle prossime ostilità: quello "sventramento" distrusse una parte, per fortuna non grande, del borgo medioevale.

Anche l'antico ponte medioevale della Paperéra, venne distrutto durante la II guerra mondiale

 

Unione Europea

Repubblica Italiana

Regione Liguria

Provincia di Imperia

  Seguici su Facebook

Vai al sito istituzionale della UNIONE DEI COMUNE DELL'ALTA VALLE ARROSCIA [cliccando qui]

Città di Pieve di Teco
Corso Mario Ponzoni, 135 - CAP 18026 - Tel 0183-36313 - Fax 0183-36315 - Codice Fiscale 00244500088 -
Email Turismo: turismo@comune.pievediteco.im.it - PEC: comune.pievediteco@postecert.it amministrazione

Valid XHTML 1.0 Transitional CSS Valido! Sito realizzato da Centro Stampa Offset Imperia
Questo sito utilizza COOKIE di profilazione, di terze parti e COOKIE TECNICI (di Sessione, e di Google Analytics) per il corretto funzionamento del sito stesso. Privacy Policy Cookie Policy